Boxe: Tobia Loriga mantiene il titolo italiano dei pesi welter

271

I giudici attribuiscono la vittoria per Majority Decision al pugile crotonese

Nella serata di ieri sera a Mantova, evento organizzato dal team Loreni e Ventura, è andato in scena il match per il titolo italiano dei pesi welter tra Tobia Loriga vs Dario Socci.

Giuseppe Tobia Loriga, classe ’77 soprannominato lo ‘Squalo Rossoblu’, aveva riconquistato il titolo già un anno fa contro Emanuele Cavallucci a Crotone; il pugile ha vinto il titolo italiano altre 2 volte, la prima nel 2008 contro Luca Michael Pasqua e la seconda nel 2017 contro Michele Esposito. Nel suo curriculum Loriga vanta anche un incontro disputato contro il figlio di Chavez, perso però per KO al 9° round.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE >>> Boxe: Roy Jones Jr vs Mike Tyson il 28 novembre

Dario Socci, classe ’88 soprannominato ‘Italian Trouble’, ha disputato proprio ieri sera per la prima volta nella sua carriera un match in Italia. La lunga carriera del pugile salernitano, infatti, si è dislocata dagli Stati Uniti alla Germania, dal Messico all’Inghilterra, senza mai toccare però il paese natale, fino a questo momento.

Nel match di ieri sera Socci, inizialmente, ha iniziato molto bene mettendo in seria difficoltà Loriga, soprattutto nei primi round; finché, però il pugile calabrese non ha cambiato la sua impostazione, accorciando le distanze e lavorando su combinazioni a due mani; questo ha permesso di cambiare l’esito del match, mettendo in difficoltà così a sua volta invece lo sfidante Socci. Il pugile campano inoltre è stato anche penalizzato dal minor numero di colpi portati a segno durante tutto l’incontro.

Lo ‘Squalo Rossoblu‘ si riconferma così campione italiano pesi welter vincendo ai punti. I giudici di gara lo hanno preferito ai punti con i  cartellini: 96-94; 96-94 e 95-55.

Il campione italiano, ai microfoni di RaiSport, subito dopo il match ha voluto dedicare la sua vittoria alla sua famiglia ma soprattutto alla sua città natale: “Volevo dedicare questa vittoria ai miei figli, a me, alla mia Crotone, ai crotonesi, che hanno perso il lavoro della Brico e quelli della Datel. Crotone è una delle città più belle del mondo”. Continuando l’intervista Loriga ha dato la sua opinione sul match disputato: “Ho fatto un pugilato che non era il mio. Mi sono adeguato accorciando la distanza. Volevo vincere perché a me piace fare pugilato. Mi alleno seriamente. Amo dare l’esempio ai miei ragazzi della Kroton Boxe a cui dico di ‘avere rispetto di tutti ma paura di nessuno’.”

Al contrario Socci è sembrato molto deluso del giudizio finale; il pugile campano nell’intervista post match, ha dichiarato la sua estrema convinzione nel aver dominato lui l’incontro, e di essere infatti rimasto soddisfatto della sua prestazione, felice di essere stato comunque protagonista di un bel match.