Calciomercato Milan, dall’Inghilterra: presentata un’offerta per Dalot

Secondo indiscrezioni provenienti dall'Inghilterra Il Milan avrebbe offerto 14 milioni di euro per il cartellino di Dalot

145
Calciomercato Milan

Calciomercato Milan: secondo alcune indiscrezioni i rossoneri avrebbero offerto 14 milioni per Dalot

Il Milan – secondo quanto riportato da Metro, in Inghilterra – avrebbe messo sul piatto dei Red Devils un’offerta di circa 14 milioni di euro per Diogo Dalot. Offerta ritenuta troppo bassa dai britannici, che ne vorrebbero ben 20.

Il tabloid sostiene che il futuro di Dalot sarà comunque lontano dal Manchester United nonostante gli apprezzamenti da parte di Solskjaer. I Red Devils vogliono monetizzare il più possibile per investire su un terzino destro più offensivo rispetto a Wan-Bissaka.

Il terzino portoghese è stato molto utilizzato da Stefano Pioli, che si è detto felice dei progressi e della duttilità del suo calciatore. Il mister rossonero, alla vigilia della sfida con il Manchester United, aveva affermato: “Siamo contenti della sue prestazioni e della sua crescita. Per quanto riguarda il futuro siamo troppo concentrati sul campionato e sull’Europa League poi non sono io che prende decisioni sul suo futuro“.

Le parole di Dalot sul suo futuro

La settimana scorsa in un’intervista a O Jogo, Diogo Dalot ha parlato del suo futuro: “Non è il momento di decidere, non ha senso nemmeno pensare a come andranno a finire le cose. Voglio mantenere la stessa linea di pensiero che ho avuto finora, che è concentrarmi sul Milan, per poter giocare e per poter aiutare la squadra fino alla fine della stagione. Poi vedremo, a seconda di ciò che è meglio per tutte le parti. Devo stare tranquillo, fare quello che ho fatto finora e cercare ogni giorno di aiutare questo grande club che mi ha dato quello che cercavo in questa stagione: avere abbastanza minuti. Fino alla fine della fase a gironi di Europa League, ho sempre giocato una partita a settimana. A gennaio ho giocato cinque o sei partite di fila, cosa che non accadeva da molto tempo. Ma, più importante di questo, da quando sono arrivato non c’è stata una partita in cui non fossi disponibile. Fisicamente ero pronto, questo per me vale molto, soprattutto rispetto all’anno scorso, quando purtroppo ho avuto due infortuni che mi hanno tenuto a parte“.