Tennis, Sinner non ci sarà a Rotterdam

L’azzurro tornerà in campo tra 10 giorni nel torneo ATP 250 di Marsiglia.

130
Sinner

Jannik Sinner si è cancellato dal torneo ATP 500 di Rotterdam per colpa dei problemi fisici che ha avuto questa settimana a Montpellier.

Jannik Sinner non sarà al via dell’ATP 500 di Rotterdam. Il tennista altoatesino non ha recuperato al meglio dall’infortunio alla schiena rimedito al primo turno dell’ATP 250 di Montpellier, perso contro lo sloveno Aljaz Bedene. Al posto di Sinner, che lo scorso anno arrivò fino ai quarti a Rotterdam perdendo contro Carreno Busta dopo aver eliminato David Goffin, entra l’americano Tommy Paul.

Jannik Sinner aveva parlato così in conferenza stampa dopo la sconfitta subita contro Bedene  a Montpellier:

“Il male alla schiena? Ha contato zero. È al 100% colpa mia e del mio gioco, non so come ho potuto perdere. A Melbourne 1 contro Bedene ero stato più aggressivo ma oggi ho fatto un casino, soprattutto dal punto di vista mentale questo è un giorno molto duro per me. Bisogna imparare dalle sconfitte, ma dopo aver giocato abbastanza bene il primo set sono andato avanti senza un’idea. O meglio, ce l’avevo ed era sbagliata…”.

“Ho sbagliato in certi momenti della partita: dopo il primo set dovevo fare una cosa e invece ne ho fatto un’altra. Sono quasi senza parole ed è difficile capire perché abbia perso. Adesso ne devo parlare con l’allenatore perché ci sono diverse cose da affrontare”.

“Nel tiebreak prima Bedene ha trovato una risposta di rovescio sulla mia prima di servizio, poi sul 5-3 è venuto a rete e ha fatto un punto incredibile”.

Nel torneo olandese di Rotterdam, il cui seeding sarà guidato dal russo Daniil Medvedev,finalista agli Australian Open e numero 3 del mondo, dopo la rinuncia annunciata ieri da Rafael Nadal, a sua volta ancora alle prese con l’infortunio alla schiena che lo ha condizionato a Melbourne, Sinner era entrato tra gli aventi diritto a un posto nel tabellone principale con il forfait di Matteo Berrettini (il romano deve recuperare dall’infortunio agli addominali rimediato agli Australian Open) senza bisogno della wild card inizialmente ricevuta dagli organizzatori.