Lazio-Milan 3-0, Inzaghi: “Una vittoria schiacciante”

Lazio-Milan 3-0. Inzaghi: "Comunque giocarsela con questi squadroni è già importante, sono tutte forti e attrezzate, compreso il Milan, che però stasera si è trovato di fronte una grande Lazio".

62
Inzaghi
Simone Inzaghi ph: Fornelli/Keypress

Lazio-Milan 3-0

La Lazio stende il Milan in capitale e conquista la sesta posizione in classifica superando i cugini giallorossi. Il Milan perde ancora posizione e, dal secondo posto fino a due giornate fa, passa in quinta posizione. Situazione disastrosa a Milano. La Lazio, con una doppietta di Correa (2′, 51′) e sigillo di Ciro Immobile all’87’, porta a casa una vittoria importante.

Lazio-Milan, Inzaghi: “Una grande Lazio”

Simone Inzaghi è estremamente soddisfatto della grande vittoria contro i rossoneri: “I ragazzi sono stati bravissimi. Per noi era come una finale, era l’ultima chance per rimanere attaccati ai primi posti e solitamente le finali le giochiamo così. È stata una vittoria netta, schiacciante. Donnarumma ha fatto un paio di parate che solo pochi al mondo fanno, poi c’è stato il palo di Immobile, direi che non ci sono molti dubbi. Il contatto Leiva-Calhanoglu? Mi dispiace sentir parlare di un episodio dopo una partita così”. 

Inzaghi sul protagonista della gara, Correa con la sua doppietta: “Correa è un grandissimo giocatore, quando sta bene e riesce non avere problemi dimostra il suo valore. Le grandi partite, soprattutto, le interpreta nel migliore dei modi. Ora avremo due partite con una settimana di recupero in mezzo, poi tante gare ravvicinate fino alla fine. Dobbiamo guardare avanti, sapendo che probabilmente saremo in Europa per il quinto anno di fila, speriamo di essere tra le prime quattro. Comunque giocarsela con questi squadroni è già importante, sono tutte forti e attrezzate, compreso il Milan, che però stasera si è trovato di fronte una grande Lazio”.

L’allenatore della Lazio conclude sull’episodio non fischiato da Orsato contro il Milan ad opera della sua Lazio: “Era un po’ che non vedevo la mia squadra dal vivo, ma avevo buonissime sensazioni. Contro il Napoli è stata una gara strana, con due episodi a inizio partita di cui si è parlato meno di quanto si parli di questo stasera… Confronto con Maldini? Abbiamo parlato del Covid perché ci siamo passati tutti e due, non di altro”