Baltimore Ravens: vittoria dolce-amara contro i Bears

18

 

Grazie ad un touch down a 22 secondi dalla fine i Ravens ottengono una preziosa vittoria e si portano sul 7-3.

Che la Domenica di Baltimora non sarebbe partita col piede giusto lo si intuiva da subito. Come un fulmine a ciel sereno arriva la notizia che Lamar Jackson, a causa di una malattia non dichiarata (ma il team ha confermato non essere COVID), non parteciperà alla partita.

L’assenza di Lamar Jackson si percepisce da subito. Il gioco dei Ravens si basa principalmente sulle corse di Freeman e Murray, che non riescono però a guadagnare abbastanza terreno per portare la squadra in zona punti. Huntley, braccato dalla difesa avversaria, ha poco tempo per distribuire il pallone a ricevitori e tight end, forzando il punt in ognuno dei primi 4 possessi. La difesa riesce ad arginare comunque un attacco Bears che riesce ad essere addirittura meno incisivo di quello di Baltimora, e i corvi pur non entrando nella endzone portano a casa 6 punti grazie al sempre affidabile Justin Tucker, chiudendo così la prima metà di gara.

La seconda metà di gara comincia senza grosse sorprese, ma un infortunio di Fields apre le porte al ritorno il campo di Andy Dalton, vecchia conoscenza dei Ravens, che grazie a uno screen pass e a un classico errore di placcaggi nelle secondarie porta Chicago sul tabellone fermando il risultato sul 7 a 6. Entrambi gli attacchi non riescono comunque ad incidere e l’occasione del sorpasso per Baltimora arriva grazie a un 4&1 sulla metà campo non convertito da Chicago ma un intercetto vanifica gli sforzi della difesa viola. Ci vogliono altri due possessi per tornare in “zona Tucker” e timbrare il biglietto del 9 a 7 con poco più di 3 minuti sul cronometro.

I tre minuti bastano però ad Andy Dalton per riportare i Bears in vantaggio. Su un difficile 4 & 11 Dalton trova Goodwin completamente libero e porta gli orsi sul 13 a 9, fallendo la conversione da 2.

La situazione sembra disperata, ma grazie a una pass interference i Ravens si trovano magicamente sulle 30 yard avversarie. Un ottimo passaggio a Watkins e una corsa di Freeman siglano il primo TD dei corvi che in meno di 2 minuti si riportano in vantaggio 16 a 13 con meno di 30 secondi sul cronometro

I Ravens escono dalle ultime due partite a testa bassa, nonostante la vittoria di oggi, e si apprestano ad affrontare una serie di partite molto difficili.