Inter, Antonio Conte: “Stiamo zitti e pedaliamo”

Il tecnico dell'Inter non ha voluto fare proclami in conferenza stampa prima della partita con il Cagliari: "Magari parlerò dopo, sappiamo benissimo le delusioni che ci sono dietro l’angolo"

57
Calciomercato Inter Kumbulla

Inter, arriva il Cagliari a San Siro

La trentesima giornata di campionato vede l’Inter di Antonio Conte ospitare il Cagliari a San Siro. I nerazzurri continuano a dominare la testa della classifica con ben undici punti di vantaggio sulla seconda in classifica, il Milan. In conferenza stampa pre-match, parla l’allenatore della squadra milanese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>>

Inter, Conte: “Stiamo zitti e pedaliamo”

Antonio Conte continua a mantenere i piedi saldi per terra, senza certezza matematica è meglio non azzardare a quello che potrebbe essere il finale di stagione: “Scudetto? Guardo il presente come sempre, cercando di fare qualcosa di eccezionale e straordinario in Italia visto che negli ultimi nove anni solo una squadra è stata protagonista.”. Non è il momento di perdere la concentrazione, Conte invita alla calma: “Non abbiamo ancora fatto niente. Abbiamo ridato credibilità all’Inter sia in Italia che in Europa. Ora dobbiamo fare l’ultimo step che è il più importante, ma non abbiamo ancora fatto nulla. Magari parlerò dopo, sappiamo benissimo le delusioni che ci sono dietro l’angolo. Dobbiamo sfruttare il presente per poi, eventualmente, in futuro parlare di qualcosa di straordinario che è stato fatto. Proclami non ne facciamo perché non sono abituato a farne. Ora stiamo zitti e pedaliamo.”

L’allenatore dell’Inter sta per vincere la sua sfida: quella di vincere con l’Inter dopo mesi di difficoltà senza aver mai mollato: “Venire all’Inter è stata la scelta più difficile che potessi fare, sotto tutti i punti di vista. Ma non sono una persona che vive nel passato. Mi piace sempre mettermi in gioco e in discussione e l’Inter è stata perfetta. Io ho la testa dura e vado avanti. Sono pronto anche ad abbattere i muri con la testa.”.