Roma in Europa League, Immobile re dei bomber; sfida a due per la salvezza

La Juventus non ci sta con la testa; il Lecce spera ancora nella salvezza, la Roma è in Europa League

36

Lecce e Genoa fino all’ultimo sospiro

Ci vorranno altri novanta minuti di passione e di “sofferenza” (è bene scriverlo tra virgolette in questo periodo…) per i tifosi di Lecce e Genoa, ancora in (b)ilico tra la permanenza nella massima serie e la caduta tra i cadetti, per conoscere il loro destino e l’esito di un campionato che ha ormai assegnato tutti gli altri verdetti.

Roma direttamente in Europa League

La Roma grazie al successo sul campo del Torino ha infatti conquistato aritmeticamente la qualificazione all’Europa “senza passare dal via” dei preliminari mettendo in  mostra il solito grande Dzeko che tra l’altro ha realizzato la sua rete numero 106 in maglia giallorossa eguagliando un mostro sacro come Volk.

Gli uomini di Longo, ottenuta la certa salvezza nel turno precedente hanno provato ad opporsi (complice un Pau Lopez non proprio irreprensibile) ma il rigore decisivo di Diawara (un premio alla sua buona ma travagliata stagione) ne ha di fatto spento gli ardori.

Per Fonseca un traguardo comunque importante ottenuto nonostante tante difficoltà ambientali e beghe societarie; ora la squadra potrà concentrarsi sulla parte finale dell’Europa League, a partire dallo scontro diretto in gara unica con il Siviglia di Monchi, un’occasione più unica che rara per trasformare in ottima una stagione al  momento sufficiente.

Juventus con la testa al Lione; il Cagliari la surclassa

Chi sembra aver già messo la testa completamente in Europa è proprio la prossima avversaria della formazione capitolina e cioè la Juventus che pur disputando una discreta gara dal punto di vista del gioco si è vista superare dal giovane Cagliari di Zenga con il più classico dei risultati: 2-0.

Ronaldo abdica; a Ciro Immobile anche la Scarpa d’Oro?

Cristiano Ronaldo stavolta resta a secco e lascia via libera, ormai quasi certamente, ad Immobile per il trono dei marcatori.

Il bomber laziale realizza una rete contro il Brescia nel quale brilla il portiere Andrenacci, autore di una prestazione davvero pregevole, e si porta a 35 goal, a meno uno quindi dal record stabilito da Higuain ai tempi della sua permanenza al Napoli. Singolare che proprio a nel capoluogo campano, nell’ultimo turno, il centravanti della Nazionale proverà a superare l’attaccante argentino.

Atalanta ed Inter si giocano il secondo posto; e la Lazio ci spera

In fatto di verdetti resta aperta in realtà anche la corsa al secondo (e terzo) posto in quanto la formazione di Inzaghi, qualora riuscisse a vincere contro i ragazzi di Gattuso ( non proprio bene con l’Inter nell’anticipo) potrebbe approfittare del risultato dello scontro diretto tra la stessa Inter e l’Atalanta, ancora vincente, in rimonta, contro il Parma grazie ad un gioiello di Gomez ed ad una punizione capolavoro di Malinovski, letale quando calcia dalla distanza.

Brividi in  coda, Juric arbitro

Parma che sarà, insieme al Verona, arbitro della sfida salvezza tra Lecce e Genoa; i giallorossi, sorprendentemente vittoriosi ad Udine col solito Mancosu ed il ritrovato Lapadula, ospiteranno infatti la formazione di D’Aversa mentre i grifoni, ridicolizzati dal Sassuolo (mamma mia che Berardi!) riceveranno l’Hellas dell’ex Juric; nel tecnico gialloblù prevarranno i dolci ricordi da calciatore genoano o la voglia di rivalsa nei confronti del suo ex presidente Preziosi? Ai posteri, tra poco più di 72 ore, l’ardua sentenza.