Tennis, Sonego dopo la vittoria degli ATP di Cagliari: “ Devo continuare a migliorare”

Lorenzo Sonego entra per la prima volta in Top 30, vincendo il secondo torneo in carriera.

46
Sonego
Foto tratta da twitter

ATP Cagliari, Sonego: “Quando sei sotto, devi pensare di essere forte e avere le armi per reagire.”

Lorenzo Sonego, fresco vincitore del torneo ATP 250 ‘Sardegna Open’, ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa e ha dichiarato: “Devo continuare a migliorare. Nonostante le vittorie, ci sono cose da migliorare per rimanere a questo livello. Ho avuto difficoltà in queste partite e sarà importante cercare di colmare queste lacune che abbiamo trovato, che (una volta risolte, ndr) mi faranno poi salire di livello. Di sicuro c’è tanta strada da fare per arrivare così in alto. Innanzitutto tanti punti di differenza, che significa dover vincere partite e tornei sempre più importantiDevo migliorare fisicamente per avere più spinta dalle gambe. Migliorare il servizio per renderlo più continuo e la risposta per riuscire mettere più pressione. Chi non migliora”, conclude il torinese, “rimane fermo mentre gli altri continuano a migliorare“.

LEGGI ANCHE: Tennis, Sonego da sogno: batte Djere e conquista l’ATP 250 di Cagliari

Crescita e miglioramenti-Per me è stato importante migliorare il rovescio, perché i giocatori hanno iniziato a conoscere quella debolezza e finivo per andare in sofferenza. Si sono visti i miglioramenti, ma ci sono margini per riuscire a fare anche da quella parte quello che faccio col drittoEra uno dei punti deboli negli anni scorsi, sono contento di come ho risposto e soprattutto di come ho cambiato proprio la posizione in campo per essere più incisivo, oggi in finale. Ho cambiato un po’ strategia, mi sono avvicinato alla riga per essere più aggressivo. E ho cercato di più la potenza con il servizio, servendo più piatto, per comandare lo scambio e per non lasciargli il tempo di giocare“.

LEGGI ANCHE: Tennis, Sonego da sogno: batte Djere e conquista l’ATP 250 di Cagliari

Strategia –Quando sei sotto, devi pensare di essere forte e avere le armi per reagire. Cerco di guardare le cose nel verso giusto e di farmi sentire dall’altro; per questo ho cominciato anche a esultare a voce alta, volevo farmi sentire e caricarmi. Ho bisogno di fare quello per tirare fuori il meglio. Se non avesse funzionato, gli avrei fatto i complimenti perché ha giocato una partita stupenda. E sarei stato contento lo stesso“.