Tennis, Sinner batte Gaston e raggiunge i quarti a Marsiglia

Il tennista di Sesto Pusteria ha battuto il francese con il punteggio di 6-4 6-1

149
Sinner
Sinner - Foto tratta da Facebook

Tennis, Sinner vince e convince contro Gaston. Dopo la fatica all’esordio con Barrere, l’azzurro domina e passa agevolmente il turno.

Jannik Sinner raggiunge i quarti di finale dell”Open 13 Provence’, torneo Atp 250 in corso sul veloce indoor di Marsiglia. Il tennista altoatesino, n.34 del ranking ATP, ha battuto in circa 68 minuti di partita, con il punteggio di 6-4 6-1, il francese Hugo Gaston, numero 166 del ranking Atp e in gara con una wild card. L’azzurro ha disputato il suo 60° match nel circuito ATP.

Venerdì Sinner si giocherà un posto nelle semifinali nella sfida col vincente del match tra il russo Daniil Medvedev, n.3 Atp e favorito del torneo, e il bielorusso Egor Gerasimov, n.76 del ranking.

Le parole di Sinner nel post-gara

Dopo il match, il tennista di Sesto Pusteria ha dichiarato: “Il primo set è stato complicato e poteva esserlo anche di più. Nel secondo ho cercato di giocare in maniera profonda. Il mio primo obiettivo è continuare a migliorare. Mi piace giocare sul veloce e indoor: non vedo l’ora di tornare in campo per i quarti di finale”.

Il giocatore ha, inoltre, confermato che il dolore lombare che lo aveva fermato al primo turno del torneo di Montpellier, sembra ormai superato: “Dopo quel problema siamo stati dal medico, abbiamo individuato quale fosse la causa del dolore (infiammazione discale, ndr) e lo abbiamo curato. Mi è dispiaciuto saltare il torneo di Rotterdam e praticamente non giocare Montpellier, adesso non voglio più perdere tempo, perché mi sento bene”.

La sofferenza, però, fa parte del percorso come ripete sempre il suo coach Riccardo Piatti: “Ha ragione Riccardo. Certo, a volte il team mi fa affrontare situazioni difficili che io eviterei volentieri, ma fa parte del progetto. Match difficili, situazioni poco agevoli, ma io cerco di superarle e di essere sempre pronto. Per fortuna la mia squadra mi supporta sempre, mi segue, mi aiuta, difficoltà ne ho passate tante e ne dovrò superare ancora”.