Juventus, Pirlo: “Era una partita difficile, ma potevamo sicuramente fare meglio”

84
Andrea Pirlo

Parla così l’allenatore bianconero rammaricato dopo l’esito della partita Juve-Verona

Dopo l’1-1 raggiunto grazie alla mossa Kulusevski, entrato dalla panchina, Andrea Pirlo analizza così la gara di ieri sera ai microfoni di Sky Sport, ma soprattutto esamina i suoi giocatori: “Il nostro primo tempo è stato troppo attendista, eravamo poco aggressivi anche se avevamo avuto le occasioni migliori. Abbiamo reagito dopo il gol loro, ma non serve prendere lo schiaffo per reagire!”. Proprio sullo svedese l’allenatore bianconero sottolinea: “L’avevamo fatto riposare ed era l’unico cambio a disposizione, il resto della panchina era composta da ragazzi; ed è entrato benissimo. Dybala non ci aspettavamo restasse in campo 95’, ma si è dato da fare fino alla fineBonucci? Vediamo, aveva sentito qualcosa già a Kiev, ha stretto i denti oggi, valuteremo poi”.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE >>> Juventus, Kulusevski: “Pirlo è un allenatore perfetto, perché ti dà fiducia”

Proseguendo l’intervista, Pirlo afferma: “La partita si è basata molto sui duelli, abbiamo sbagliato la scelta dell’ultimo passaggio, potevamo fare sicuramente meglio ma molte combinazioni nello stretto le abbiamo indovinate. Il Verona mette tanta intensità e per questo avevamo lavorato sulla pressione uomo contro uomo. Il clima di oggi rispetto alla Champions era più soporifero, ma dobbiamo partire con più decisione.”

Infine sulla domanda con quale attaccante CR7 può giocare al meglio, il mister risponde:Ronaldo? Può giocare sia con Dybala che con Morata, a seconda delle occasioni, sempre sul centro-sinistra più che da esterno. Possono coesistere. Poi oggi ci mancava l’ampiezza con Chiesa e abbiamo voluto inserire Bernardeschi per dargli un po’ di minutaggio. Le posizioni possono scambiarsi, l’importante è muoversi coi tempi giusti e coprire sempre le porzioni di campo”.